Informativa: questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento e utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera acconsenti all’uso dei cookie.

Editoriale

di Mauro Dalla Villa
Presidente regionale Fita Veneto

Formazione
e comunicazione
impegni strategici

Si sono da poco svolte le Assemblee previste dai nostri Statuti per gli adempimenti obbligatori di approvazione bilanci, nella maggioranza delle nostre Compagnie, ma anche per i Comitati provinciali, quello regionale F.I.T.A. Veneto ed inoltre a livello Nazionale. Grazie a tutti coloro che hanno sottratto del tempo alle loro attività personali per partecipare a questi appuntamenti, importanti per la gestione della nostra Federazione. In questi momenti si condividono gli impegni che ci assumiamo e ci si confronta sur quello che si vuole o si può fare per il futuro.

Ai diversi livelli, tra le parole più utilizzate registriamo “formazione” e “comunicazione”, due argomenti sui quali l’intera Federazione conferma il proprio impegno, con un occhio di riguardo alle generazioni più giovani.
È assicurata da F.I.T.A. l’attenzione verso i giovani e questa si misura tangibilmente in tutte le iniziative che a loro sono riservate. A partire dall’Accademia del teatro: una bella occasione per chi rientra nella fascia 18-25 anni, di trascorrere una settimana intensiva per approfondire, confrontarsi, imparare e anche divertirsi. Anche quest’anno l’Accademia è programmata nei giorni della Festa del Teatro, tradizionale appuntamento settembrino del quale a breve avremo tutti i dettagli.
Ma giovani sono anche i protagonisti della scuola di alta formazione ITAF, che la Federazione promuove e sostiene con grosso impegno e che ogni anno forma in maniera altamente qualificata persone che, anche grazie a queste opportunità, hanno modo di comprendere se la loro passione possa diventare altro o restare una bella attività da continuare a svolgere per divertimento.
Intanto, sempre in tema di giovani, in Veneto si stanno svolgendo le selezioni del concorso “Teatro dalla scuola”, kermesse che da oltre cinquant’anni mette a confronto i laboratori scolastici di numerose scuole superiori della regione, dando agli studenti partecipanti la possibilità di uscire dalle aule e misurarsi con gli altri e con il pubblico.
Ma in tema di formazione F.I.T.A. non pensa solo ai giovani. Appena dopo l’estate saranno infatti lanciate le iniziative di formazione per tutti i soci, anche a livello di singoli Comitati provinciali, che si occuperanno di teatro sia direttamente, sia indirettamente, con approfondimenti di diverse materie. Ci piace ricordare, infatti, che la formazione non è solo una cosa da giovani, ma indispensabile strumento per proporsi sempre meglio, mettendo alla prova le nostre capacità e facendone emergere altre, che magari non sappiamo di possedere.
Parallelamente e altrettanto intensamente si sta lavorando sulla comunicazione, con l’implementazione a livello nazionale di una struttura organizzata che si interfacci con il territorio ed in particolare con i Comitati regionali, il tutto per essere sempre più allineati alle numerosissime iniziative che in tutta Italia F.I.T.A. propone. Anche in questo caso, sempre più agevolati appaiono i giovani che, grazie all’utilizzo dei social, possono essere sempre aggiornati su tutto.
Nella nostra regione, intanto, continuiamo a raggiungere tutti con il nostro periodico, sempre particolarmente ricco di idee e proposte, implementato dalla newsletter e dall’aggiornatissimo sito internet per i dettagli. In aggiunta a questi, naturalmente, non manca la tempestiva informazione garantita da facebook.
Con tutti questi strumenti a disposizione, non resta che partecipare. Ora siamo informati su tutto e praticamente in tempo reale. Cari amici, ormai non ci sono più scuse...
La partecipazione di ognuno alle attività individuali, come la formazione, e a quelle collettive che riguardano la vita associativa diventa fondamentale. Per ognuno è un’occasione di conoscere, imparare, crescere; per tutti è un arricchimento, poiché dalle esperienze degli altri c’è sempre da apprendere. Partecipare alle iniziative proposte non dev’essere sentito come un dovere per i Presidenti di Compagnia, ma come un piacere, così come per ogni Associato. Non sentiamoci ospiti della Federazione, allora: ma tutti protagonisti.
Buon teatro a tutti e buona estate.

 

Stampa