Informativa: questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento e utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera acconsenti all’uso dei cookie.

 Fita Logo trasp  fita logo 70
regione veneto  facebook googleplus instagram youtube

PRIMO PIANO - 31ª MASCHERA D'ORO: GLI SFIDANTI

  • Copertina00
  • Copertina07
  • copertina02
  • Copertina06
  • copertina01
  • Copertina04
  • Copertina05
  • copertina03
  • Maschera d'Oro 2019
  • Il Teatro dei Dioscuri dalla provincia di Salerno, con "Uomo e Galantuomo" di Eduardo De Filippo, regia di Antonio Caponigro
  • Il Gruppo Giovani 2000 di Rezzato (Brescia), con "Nel regno di Oz" da "Il meraviglioso mago di Oz" di Lyman Frank Baum, regia di Alessandra Portesi e Gisella Brunetti
  • Il gruppo Soggetti Smarriti di Treviso con "Tramonto" di Renato Simoni, regia di Franco Demaestri
  • Il G.A.D. Città di Trento con "Oh... che bella guerra!" di Luigi Lunari, regia di Alberto Uez
  • La Ringhiera di Vicenza con "Sei personaggi in cerca d'autore" di Luigi Pirandello, regia di Riccardo Perraro
  • Il Nuovo Teatro Stabile Mascalucia, dalla provincia di Catania, con "Yerma" di Federico Garcìa Lorca, regia di Massimo Giustolisi e Giuseppe Bisicchia
  • La Barcaccia di Verona con "La serva amorosa" di Carlo Goldoni, regia di Roberto Puliero

Inizia il conto alla rovescia per la 31ª edizione del festival nazionale di Fita Veneto, che dal 9 febbraio al 23 marzo vedrà la sfida tra sette finaliste provenienti da Campania, Sicilia, Lombardia, Trentino-Alto Aldige e Veneto. Il 30 marzo la proclamazione dei vincitori del trofeo e dell'abbinato Premio Faber Teatro di Confartigianato Vicenza, che festeggia la 25ª stagione e apre le porte del Teatro Olimpico.

Leggi tutto

Stampa Email

Editoriale

di Mauro Dalla Villa
Presidente regionale Fita Veneto

Siamo troppo vecchi
o sono i giovani
a non farsi vedere?

Il numero che stiamo per sfogliare contiene diverse notizie accattivanti, tra le quali un primo focus sul festival “Maschera d’Oro”, che a febbraio porterà in scena al teatro San Marco di Vicenza le finaliste selezionate, un’interessante inchiesta sull’utilizzo della lingua italiana o veneta nei nostri repertori, svolta coinvolgendo alcune nostre Associate, interviste a personaggi del mondo dello spettacolo e proposte per rinnovare i repertori. Ebbene, su alcuni di questi argomenti invito a riflettere, cogliendone magari il sottile filo che le lega.

Leggi tutto

Stampa Email

Monografie

Un testo da riscoprire

Il nostro Progetto Teatro Veneto prosegue con un testo molto particolare: "La giornata del corrispondente teatrale", commedia in due atti scritta nel 1848 dal veneziano Francesco Cameroni, autore anche del dramma in tre atti "Giuseppe Angeleri" e de "I misteri di una compagnia comica" (1846).

Leggi tutto

Stampa Email

Interviste

Pino Costalunga

Pino Costalunga:
chiacchierando di teatro

di Filippo Bordignon

Parlare di Pino Costalunga significa immergersi nell’avventura professionale di un attore e regista eclettico e appassionato, un uomo costantemente affamato di esperienza e conoscenza.

Leggi tutto

Stampa Email

Cultura

Samuel Beckett
30 anni dopo

di Filippo Bordignon

Chi ha avuto il piacere di assistere all’interpretazione ad opera di Piera Degli Esposti di “Dondolo”, tra gli ultimi lavori per il teatro di Samuel Beckett, può vantare un’esperienza artistica di primo valore.

Leggi tutto

Stampa Email

Giovani

Anna Basso:
Ecco il mio Itaf

Studentessa di Filosofia e Scienze Umane all’Università di Venezia e componente de La Ringhiera di Vicenza, Anna Basso, 21 anni, è stata tra gli otto partecipanti all’edizione 2018 di Itaf (International Theatre Academy of Fita).

Leggi tutto

Stampa Email

Focus

Teatro dialettale,
roba da vecchi?

di Filippo Bordignon

Teatro dialettale: roba da vecchi? Un genere confinato agli amanti del passatismo e di varietà linguistiche che esasperano un localismo ormai fuori contesto storico?

Leggi tutto

Stampa Email