Informativa: questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento e utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera acconsenti all’uso dei cookie.

 Fita Logo trasp  fita logo 70
regione veneto  facebook googleplus instagram youtube

Monografie

Fogazzaro drammaturgo
Passioni d'un tempo

Antonio Fogazzaro (Vicenza, 25 marzo 1842 – 7 marzo 1911) è tanto noto come scrittore quanto pressoché sconosciuto per la sua attività – peraltro molto contenuta, in realtà – di drammaturgo.

Figura complessa, per molti aspetti ancora non del tutto approfondita e compresa (in particolare per quanto riguarda le sue umane inquietudine sul versante della fede), Fogazzaro è per i più l’autore di “Piccolo mondo antico”, “Malombra” o “Daniele Cortis”, tutte opere divenute anche pellicole cinematografiche, in particolare grazie alla regia di Mario Soldati; qualcuno lo ricorda anche per “Piccolo mondo moderno”, “Leila” o il contrastato “Il Santo”; pochissimi, inoltre, sanno che più volte fu sul punto di vincere il premio Nobel per la letteratura.
E meno ancora, certamente, sanno che Fogazzaro scrisse anche alcuni testi teatrali: “El garofolo rosso” (gradevole e allestito da qualche coraggiosa compagnia), “Nadejde” e “Il ritratto mascherato”, che nel 1903 furono raccolti nel volume “Scene”.
Di questi bozzetti teatrali abbiamo scelto di proporre proprio “Il ritratto mascherato”, che ci accompagna in uno di quei salotti borghesi che tanta parte hanno nelle opere narrative dell’autore. È qui che una donna, da poco rimasta vedova di un uomo che riteneva integerrimo, vede allungarsi un’ombra inattesa sul suo passato…
Naturalmente non vi toglieremo il gusto di scoprire di che cosa si tratta. Anzi, gustatevi la lettura di questo breve testo, che se pure non rappresenta una vetta della drammaturgia di tutti i tempi racconta bene il gusto di quegli anni, quell’atmosfera carica di passioni represse sotto le pesanti vesti delle convenzioni sociali e dell’opportunità.

A vostra disposizione il testo

IL TESTO COMPLETO DE IL RITRATTO MASCHERATO (versione Doc) -  IL RITRATTO MASCHERATO (versione Pdf)

FITAINFORMA ringrazia Silvia Bagnara Milan per l'accurata e paziente revisione grafica del testo.