Informativa: questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento e utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera acconsenti all’uso dei cookie.

 Fita Logo trasp  fita logo 70
regione veneto  facebook googleplus instagram youtube

PRIMO PIANO - GIULIANA MUSSO E LA SCRITTURA

di Filippo Bordignon

Giuliana Musso, classe 1970, è attrice, autrice, ricercatrice vicentina d’origine e udinese d’adozione. Premio della Critica 2005 e premio Hystrio per la drammaturgia 2017, è tra i maggiori esponenti del teatro di narrazione e d’indagine italiano: un teatro che si colloca al confine con il giornalismo d’inchiesta, l’indagine e la poesia, la denuncia e la comicità. Basti pensare ad alcuni tra i suoi lavori più celebrati, come la trilogia “Nati in casa”, “Sexmachine” e “Tanti Saluti (nascita, sesso e morte)”.
“Mio Eroe” , vincitore del Premio Cassino Off 2017, dà voce ad alcune madri dei 53 militari uccisi nella missione Isaf in Afghanistan. Il suo spettacolo più recente è in coppia con Ascanio Celestini: “Potente e fragile” nasce come un’intervista in cui dialogano e si intersecano storie di persone assai diverse tra loro, un’esplorazione del passato tra opere che sono già cult e testi inediti. Abbiamo intervistato la Musso per meglio comprenderne i meccanismi di scrittura teatrale.

Leggi tutto

Editoriale

di Mauro Dalla Villa
Presidente regionale Fita Veneto

Stiamo meglio o peggio?

Si stava meglio quando si stava peggio? Sicuramente un luogo comune o una frase che a volte pronunciamo in tono scherzoso. Molti di noi, infatti, non so se possano ricordare effettivamente un periodo in cui si stava peggio. In tanti, però, ricorderemo di certo quando avevamo altri mezzi a disposizione. O forse non li avevamo proprio. La tecnologia, la società e, in fondo, anche la nostra Federazione hanno certamente vissuto notevoli cambiamenti negli ultimi anni e, soprattutto, di un’evoluzione sempre più veloce. Quello che siamo o facciamo oggi non era probabilmente pensabile anche solo dieci anni fa. Eppure, nostalgicamente, ogni tanto diciamo o sentiamo dire quella famosa frase: si stava meglio quando si stava peggio.

Leggi tutto

Monografie

Un testo da riscoprire

A Luisa Bergalli, autrice e traduttrice, nonché moglie di Gasparo Gozzi, abbiamo dedicato un ritratto nello scorso numero di Fitainforma, andando a scoprirne il profilo di donna e di donna di cultura nella Venezia del Settecento.

Leggi tutto

Arti sceniche

Musical, quando
il teatro è multicolor

di Filippo Bordignon

Per chi si dedichi al variegato settore del musical, si sa, la strada è ancora più in salita rispetto a quella percorsa da colleghi attivi, ad esempio, nel teatro di prosa o nel teatro di narrazione. La difficoltà risulta ancora più evidente per quelle realtà giovani d’esperienza o d’anagrafe.

Leggi tutto

Cultura

Carmelo Bene, una riflessione (critica)

di Filippo Bordignon

A 16 anni dalla morte, nel marzo del 2002, la domanda rispetto al reale lascito artistico di Carmelo Bene non sembra trovare una risposta netta.

Leggi tutto

Giovani

Anna e Fabio:
cartoline da Itaf

Tappa in Belgio per l'edizione 2018 di Itaf (International Theatre Academy of Fita), il percorso di alta formazione promosso dalla Federazione Italiana Teatro Amatori (Fita), con la direzione artistica di Daniele Franci, al quale stanno prendendo parte anche due giovani tesserati Fita Veneto: i vicentini Anna Basso (de La Ringhiera, per l’intero corso) e Fabio Dalla Zuanna (di Alterego, per due settimane intensive).

Leggi tutto

Strumenti

Biblioteca e videoteca:
il tesoretto Fita Veneto

di Silvia Bagnara Milan

Forse non tutti sanno che nella sede di Fita Veneto, in Stradella delle Barche a Vicenza, è nascosto un piccolo tesoro.

Leggi tutto