Informativa: questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento e utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera acconsenti all’uso dei cookie.

 Fita Logo trasp  fita logo 70
regione veneto  facebook googleplus instagram youtube

Formazione

Fondamenta, bel bis
a Monticello Conte Otto

Si è conclusa molto positivamente l’edizione svoltasi a Monticello Conte Otto (Vicenza) del progetto Fondamenta – Una rete di giovani per il sociale, la seconda in Veneto per l’iniziativa firmata a livello nazionale dalla Federazione Italiana Teatro Amatori (Fita) e realizzata nel territorio da Fita Veneto.

A condividere l'organizzazione dell'esperienza sono stati i Comuni di Monticello Conte Otto e di Adria (dove si era svolta nel giugno scorso) come partner istituzionali; la tappa vicentina è stata inoltre realizzata con la collaborazione del Presidio Riabilitativo “Villa Maria”, con sede in località Vigardolo.
Dal 3 al 6 ottobre scorsi si è dunque riproposto il workshop gratuito rivolto a persone interessate ad approfondire l’applicazione sociale dei linguaggi teatrali per agire in situazioni di disagio o di fragilità. A condurre il percorso di formazione, che ha coinvolto una dozzina di partecipanti, fra operatori sociali professionisti e giovani interessati a vivere il teatro da una diversa prospettiva, sono stati i docenti Guido Zovico, co-fondatore del Festival Biblico e responsabile dell’area partner e fund raising di “Padova capitale europea del volontariato 2020”, Biagio Graziano, educatore musicale e teatrale ed esperto di tecniche di educazione attiva, e Matteo Corbucci, docente di Pedagogia sperimentale all’Università di Roma “Sapienza”. Centrale nel workshop è stata l’esperienza laboratoriale dedicata al teatro di figura, mirata a stimolare l’attenzione sulle ampie potenzialità di questo strumento non solo teatrale ma anche di espressione e dialogo verbale e non.
Dopo il workshop, un evento di condivisione si è svolto nel restaurato Teatro Roi di Monticello Conte Otto, con la partecipazione tra gli altri del presidente di Fita Veneto, Mauro Dalla Villa, del vicepresidente nazionale Fita, Aldo Zordan, e del responsabile nazionale del progetto Fondamenta Giulio Ustica; con loro il sindaco di Monticello Conte Otto, Damiano Ceron, e l’assessore alla Cultura, Maria Luigia Michelazzo, oltre a genitori, giovanissimi ospiti e rappresentanti del Presidio, guidati dalla coordinatrice generale, suor Renata Giandesin.
Il progetto Fondamenta è organizzato da Fita in partnership con l’Associazione Nazionale di Azione Sociale (Anas) e il Comitato Fita di Pordenone, ed è reso possibile dal finanziamento ottenuto dalla Federazione vincendo un apposito bando del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali.

Stampa Email